Finanziamenti a fondo perduto per startup – Veneto 2016

startups veneto fondo perduto 2016

 

Buone notizie per chi ha scelto il 2016 come anno per fare impresa, con la pubblicazione sul Bur n. 56 del 10 giugno 2016 della Regione Veneto sono stati pubblicati una serie di bandi di finanziamento a sostegno delle PMI venete. Oggi vedremo il primo dedicato alle startup per vedere nei prossimi giorni quello dedicato al turismo. La Regione col presente bando, co-finanziato dall’unione europea e facente parte del programma di sviluppo Por Fesr 2014-2020, intende rafforzare il sistema imprenditoriale Veneto mediante il sostegno all’avvio, insediamento e sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali in grado di promuovere ricambio e diversificazione nel sistema produttivo, oltre a generare nuove opportunità occupazionali. L’azione promuove, quindi, l’imprenditorialità facilitando lo sfruttamento economico di nuove idee e supportando gli investimenti necessari alla creazione di nuove imprese.

Il bando che andrò ora ad esporvi è orientato alle start-up e alle nuove imprese o professionisti che hanno iniziato l’attività da non più di 12 mesi o che intendono aprirla sfruttando questi incentivi.

La dotazione finanziaria messa in campo è molto importante dato che il contributo previsto è a fondo perduto per il 50% dell’investimento e si presenta come un’occasione da non perdere.

Bando per l’erogazione di contributi alle nuove imprese

Dotazione finanziaria

L’Azione ha una dotazione finanziaria di euro 4.500.000,00

Localizzazione

L’investimento oggetto dell’agevolazione deve essere realizzato e localizzato nel territorio della Regione Veneto.

Soggetti ammissibili

Sono ammesse alle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese (PMI), indipendentemente dalla loro forma giuridica, quindi sono aperti a ditte individuali, società di persone e di capitali.

  • in caso di PMI e loro Consorzi, essere regolarmente iscritta al Registro delle Imprese, istituito presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura competente per territorio, da non più di 12 mesi alla data di apertura dei termini per la presentazione della domanda (13 Luglio 2016).
  • in caso di professionisti non costituiti in società regolarmente iscritte al Registro Imprese, essere iscritti agli ordini professionali oppure aderire alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 ed essere in possesso dell’attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge n. 4 del 2013
  • in caso di PMI e loro Consorzi, la domanda può essere presentata anche da persone fisiche che intendano costituire una nuova impresa (c.d. “promotori d’impresa”), a condizione che, a pena di decadenza della domanda, entro 45 giorni dalla data di comunicazione dell’ammissione ai benefici, provvedano alla regolare iscrizione al Registro Imprese. Tale impresa, a pena di decadenza dal contributo e conseguente revoca totale del contributo, deve essere costituita esclusivamente dalle persone fisiche e giuridiche indicate nella domanda di ammissione, nonché mantenere la forma giuridica (imprese singole, società di persone, società di capitali, società cooperative, consorzi, etc.) e la ripartizione delle azioni o delle quote sociali indicate nella domanda medesima.
  • avere l’unità operativa in cui si realizza il progetto imprenditoriale in Veneto. Qualora all’atto della presentazione della domanda il richiedente non abbia l’unità operativa sul territorio della Regione Veneto, l’apertura della stessa, che deve avvenire entro il termine perentorio del 15 giugno 2017
  • esercitare un’attività economica classificata con codice ISTAT ATECO 2007 primario e/o secondario nei settori indicati nell’Allegato C al presente Bando (per capire se il vostro codice è tra quelli ammissibili vi invito a contattarci)

Interventi ammissibili

Sono ammissibili i progetti di supporto all’avvio, insediamento e sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali in grado di promuovere ricambio e diversificazione nel sistema produttivo, oltre a generare nuove opportunità occupazionali. Il progetto ammesso all’agevolazione deve essere concluso ed operativo entro il termine perentorio del 15 giugno 2017. Il progetto si considera concluso ed operativo quando:

  • le attività sono state effettivamente realizzate;
  • le spese siano state sostenute;
  • abbia realizzato l’obiettivo per cui è stato ammesso a finanziamento.

Non sono ammissibili i progetti portati materialmente a termine o completamente attuati prima della presentazione della domanda di partecipazione a prescindere dal fatto che tutti i relativi pagamenti siano stati effettuati dal beneficiario

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi rientranti nelle seguenti categorie:

  1. macchinari, impianti produttivi, hardware, attrezzature ed arredi nuovi di fabbrica;
  2. spese di progettazione, direzioni lavori e collaudo connesse alle opere edili/murarie di cui al punto 6.;
  3. spese notarili di costituzione della società o dell’associazione di professionisti;
  4. mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, ad esclusivo uso aziendale, con l’esclusione delle autovetture;
  5. consulenze specialistiche finalizzate all’accompagnamento/tutoraggio del beneficiario nella fase di realizzazione del progetto imprenditoriale ammesso all’agevolazione;
  6. opere edili/murarie e di impiantistica;
  7. programmi informatici.

Forma soglie e intensità degli interventi

L’agevolazione, nella forma di contributo a fondo perduto, è pari al 50% della spesa rendicontata ammissibile per la realizzazione del progetto:

  • nel limite massimo di euro 75.000,00 (settantacinquemila/00) corrispondenti ad una spesa rendicontata ammissibile pari o superiore ad euro 150.000,00 (centocinquantamila/00);
  • nel limite minimo di euro 10.000,00 (diecimila/00) corrispondenti ad una spesa rendicontata ammissibile pari ad euro 20.000,00 (ventimila/00).

Non sono ammesse le domande di partecipazione i cui progetti comportino spese ammissibili per un importo inferiore ad euro 20.000,00 (ventimila/00).

Le agevolazioni sono concesse ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis” n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.

Termini e modalità di presentazione

La domanda di sostegno deve essere compilata e presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione

L’apertura dei termini per la compilazione della domanda di sostegno è prevista alle ore 10.00 del giorno lunedì 27 giugno 2016. La domanda potrà quindi essere presentata a partire dalle ore 10.00 del giorno mercoledì 13 luglio 2016, fino alle ore 18.00 del giovedì 28 luglio 2016.

 

Il nostro studio è lieto di poter offrire assistenza nella compilazione del bando e supporto nella successiva realizzazione degli investimenti che si intendono sviluppare con i fondi ottenuti.

Per informazioni info@imperaconsulting.it o al numero +39 04251666332

 

Emanuele Giacomella on GoogleEmanuele Giacomella on LinkedinEmanuele Giacomella on Twitter
Emanuele Giacomella
Management Consultant
Dal 2008 mi dedico alle startup, sia innovative che tradizionali.
In quell'anno il mio primo progetto relativo al carsharing elettrico fu un flop pazzesco ma durante gli anni ho affinato le tecniche e al termine della laurea magistrale un progetto sulla realtà aumentata applicata al settore turistico mi ha dato grandi soddisfazioni, tanto che l'ho messo nero su bianco nella mia tesi.
Da allora ne ho sviluppate diverse e nei settori più disparati, dalle caffetterie fino alla "morte digitale", riportando successi clamorosi e fallimenti dolorosi.
Quello che ho imparato, in termini di business planning, marketing, management organizzativo e finanziamenti agevolati, durante questo breve cammino, lo utilizzo per aiutare aspiranti startupper e gli imprenditori che ragionano come tali.

One Reply to “Finanziamenti a fondo perduto per startup – Veneto 2016”

  1. Sono interessato a creare una startup
    Ho un progetto da realizzare in ambito ITC, che può far nascere un’azienda
    Abito in veneto, provincia d Venezia
    Sono interessato a finanziamenti a fondo perduto
    C’è anche quest’anno 2017 il bando che incentiva la nascita delle startup ?
    Grazie
    Giorgio Cicogna

Lascia un commento